ROMA EVENTI (Fontana di Trevi)

Da poco inaugurato nel cuore di Roma, a due passi dal Quirinale e dalla Fontana di Trevi da cui prende il nome, il nuovo Centro Congressi Roma Eventi – Fontana di Trevi è la sede ideale per ogni evento. Situato nello splendido palazzo neoclassico voluto da Benedetto XV come sede per l’Università Gregoriana e costruito da Guido Barluzzi nel 1930, il Centro Congressi si sviluppa su 2500 mq ed è composto da 15 sale meeting in grado di accogliere oltre 1000 partecipanti. Tutte le sale, diverse per dimensioni e metratura, sono polivalenti e dotate di supporti audiovisivi all’avanguardia, fra cui connessione internet WI-FI e LAN, schermi e proiettori LCD e impianti di amplificazione a soffitto. Le sale, alcune delle quali a luce naturale, possono essere inoltre allestite secondo le esigenze organizzative e logistiche più diverse. Il Centro Congressi Roma Eventi – Fontana di Trevi si trova all’interno dello splendido palazzo che ospita la Pontificia Università Gregoriana e l’omonima biblioteca con i suoi eccezionali tesori librari.

1/2

Fondata nel 1551 da Ignazio Loyola, la “Scuola di grammatica, d’umanità e di dottrina cristiana” trovò qui la sua sede definitiva dopo aver girovagato per Roma. Già nel 1581 papa Gregorio XIII si era impegnato a dare alla Scuola una sede idonea commissionando all’architetto Bartolomeo Ammannati la costruzione di un nuovo grande edificio, inaugurato il 28 ottobre 1584. Il pontefice fu per questo acclamato “fondatore e padre” del Collegio Romano che prese il nome di Università Gregoriana. Nel 1873 però il palazzo fu confiscato dallo Stato Italiano e l’ateneo fu costretto a dividersi. Dopo la prima guerra mondiale l’interesse a dotare l’Università di una nuova e definitiva residenza si rifece di nuovo forte. Nel 1919 Pio XI, continuando la strada del suo predecessore Benedetto XV, stabilì l’acquisto di alcuni fabbricati e terreni in piazza della Pilotta, alle pendici del Quirinale, per realizzare lì la nuova sede dell’Università, in prossimità dell’altro ateneo romano affidato ai gesuiti, il Pontificio Istituto Biblico. Il nome della piazza rimandava al “gioco della pilotta”, un gioco con la palla importato dai fiorentini dopo il Sacco di Roma del 1527, che consisteva nel colpire la palla con una mano chiusa a pugno o con una specie di mestolo. Grazie al progetto di Giulio Barluzzi, l’Università venne costruita su un’area precedentemente occupata da alcuni conventi cinquecenteschi (utilizzati fino al 1800 come caserme dei dragoni pontifici) e dal Casino di Villa Colonna, appositamente demoliti per l’occasione. Sotto le macerie vennero alla luce alcuni resti dell’ antico tempio di Serapide costruito da Caracalla nel III secolo dopo Cristo. Il 27 dicembre 1924, nel centenario della ricostituzione della Compagnia di Gesù, fu posta la prima pietra del nuovo complesso che venne ultimato in tre anni e inaugurato il 6 novembre 1930.